Libri consigliati Dicembre 2016

Libri di confronti forti tra padri, madri e figli

 

Ecco i libri che vedremo in questa prima raccolta (pre-natalizia):

 

  1. Padre figlio e spirito tanto – di Stefano Scialpi – Edfien Publishing editore
  2. Fai bei sogni – di Massimo Gramellini – Longanesi editore
  3. Il cacciatore di aquiloni – di Khaled Hosseini – Piemme editore

 

È assolutamente sincronico al mio momento di vita che questo mese tratti 3 libri che raccontano di padri, madri e figli…

 

Un Dicembre con testi all’insegna delle emozioni forti, delle relazioni, delle prove di onestà e di coraggio oltre che di “fiducia”.

 

Apro la stesura di questo primo articolo sui libri consigliati con un ragazzo che ho conosciuto negli ultimi mesi, e con cui c’è stato subito una intesa amichevole, leggera e gioiosa.

 

Una “bella persona” al punto che è arrivato a regalarmi il suo primo libro pur di farmi fare dei passaggi interiori sulla via dell’abbondanza.

 

Padre figlio e spirito tanto, Stefano Scialpi.

 

Padre Figlio e Spirito Tanto
€ 15

 

Un libro di un caro amico Stefano Scialpi, il Felicitario, che trovi nella mia biografia come quel coach che ispirò la figura dell’EspressivarioTM.

 

È una persona che si impegna, come dice il suo nick name, a cercare in sé e negli altri il motivo profondo per essere felici.

 

Le sue abilità da coach e da pedagogo Steiner si vedono anche nella scrittura del testo.

 

Il libro è scritto descrivendo molto bene i mondi interiori di Stefano, i suoi fantasmi e i piccoli angeli che lo accompagnano a ritrovarsi in un viaggio che poteva anche essere una fuga.

 

È stato spassoso leggere le sue descrizioni dei paesaggi, delle persone e delle avventure. Ha una una chiave originale, tra l’animismo e le metafore direi.

 

Parla agli oggetti e agli elementi naturali come fossero i suoi compagni di viaggio e li “usa” per descrivere i suoi stati interiori. Leggere per credere 🙂

 

Puoi gustare il suo percorso, e viverlo con lui in alcuni passaggi, anche se non nascondo che più dialoghi tra i vari personaggi della trama mi avrebbero soddisfatto ancora di più.

 

Le spiagge dove è ambientata l’opera sono testimoni di tante emozioni e qualche scivolone imbarazzante. Molto curiosa anche la meraviglia con cui descrive l’incontro con i bambini dell’isola.

 

L’amore di Stefano per le piccole creature è tale che ai suoi occhi alcune descrizioni dei bambini non hanno nulla da invidiare a quelle di modelle blasonate.

 

Puoi comprare il suo libro Padre Figlio e Spirito Tanto cliccando qui

 

Fai bei sogni, Massimo Gramellini.

 

Fai Bei SogniVoto medio su 5 recensioni: Sufficiente
€ 14.9

 

Non sapevo che questo libro fosse autobiografico e credo che per poter creare un’opera del genere l’autore abbia dovuto sconfiggere pienamente gli stessi demoni interiori che descrive nel libro.

 

Una sorta di prova del 9 che ci assicura la veridicità della storia e la profondità dello scritto.

 

Un libro entusiasmante che ci porta a seguire la crescita di Massimo tra fidanzate che “fanno la loro parte” e scompaiono come sono arrivate.

 

Un padre che è l’ombra di ciò che era in gioventù e una madre… Bè… Una madre che è il vero motore della storia e che, nel bene e nel male, da una grande “lezione” al figlio.

 

Ignaro di come si sono svolti realmente i fatti e ingenuo di natura, Massimo non può far altro che ribellarsi, adirarsi, scalciare fino a  rasentare la follia, prima di scoprire la verità sul suo passato.

 

Nonostante si narri una storia per alcuni aspetti tragica, il libro è scritto in modo ironico, molto leggero.

 

Le battute di Massimo creano una cornice ovattata che permette di scorrere le pagine senza essere sovrastati dalla furia degli eventi.

 

Alcuni passaggi in cui Massimo posso essere io, puoi essere tu… Chiunque… Mi hanno commosso e danno ulteriore forza a un romanzo che comunque parla in modo semplice e diretto.

 

Questo libro è stato una sorpresa soprattutto nella seconda parte. Scopri il perché 😉

 

Il cacciatore di aquiloni, Khaled Hosseini.

 

Il Cacciatore di Aquiloni Voto medio su 5 recensioni: Sufficiente
€ 11.9

 

Questo libro parla molto bene la lingua dei bambini, anche se non direi i bambini del giorno d’oggi, forse i bambini italiani degli anni ’30.

 

Ho avuto la sensazione che il racconto venisse da mia madre o forse mia nonna bambina.

 

Il modo di scrivere è molto crudo e in certe scene che porta quasi al disgusto, eppure resta gioioso nelle manifestazioni di umana solidarietà.

 

In tempi di guerra queste dimostrazioni di umanità, seppur poche, si fanno sentire bene in fasi cruciali della trama.

 

Racconta dell’Afganistan, prima e durante l’invasione “talebana” e la conseguente guerra civile che ha sconvolto il paese.

 

È stato veramente emozionante seguire i dilemmi esistenziali e la quotidianità di Amir, protagonista.

 

Dalla semplice routine di un bambino agiato, alla quotidianità di un uomo che lotta per affermarsi nonostante il “peso” della sua cultura di origine.

 

Lo vedi passare dalle fatiche per “affermarsi” di fronte al padre Baba (uomo dalla grande leadership e fama tra gli amici), all’ ingegnarsi per poter creare una famiglia felice salva dagli orrori della guerra.

 

Una bellissima crescita sia esteriore che interiore ti accompagnano per tutta la durata del libro.

 

Tirando le somme

 

Sono tre libri dal forte connotato emotivo (soprattutto Il cacciatore di aquiloni e Fai bei  sogni), dalla spiccata profondità, e con una propensione per la descrizione del vissuto interiore dei personaggi.

 

Te li consiglio soprattutto se ti piace emozionarti con un buon libro e al contempo sorprenderti di quanto si può imparare di te stesso se ti tuffi nella crescita dei personaggi come un abile alchimista ;-).

 

Molto carino il modo ironico di descrivere le cose  di Gramellini e lo stile animista di Scialpi. Per Hosseini invece ho apprezzato molto la crudità raccontata in modo molto descrittivo eppure con tutela per il lettore.

 

Share

Commenti Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field