Ho notato subito la poesia che aleggiava attorno anche se ero alla prima esperienza dietro lo stand qui. Gli affreschi con una prospettiva ingannevole all’occhio fino a far

Alcuni professionisti in un'articolo che racchiude i principi di A.M.P.R.A.
Alcuni professionisti in un’articolo che racchiude i principi di A.M.P.R.A.

pensare – “Sarà un disegno o una vera statua?” – sono un contorno molto azzeccato alla riscoperta del benessere.

Ci sono stati molti spunti ispiratori per me come il confronto con l’associazione A.M.P.R.A. che opera sul territorio pavese sposando l’attività psicologica e psicoterapica a quella olistica con i valori di consapevolezza, creatività e condivisione che anch’io apprezzo molto.

Uno scorcio dei giardini visti dal I piano del castello
Uno scorcio dei giardini visti dal I piano del castello

Si anche i giardini promettevano bene con questo spazio immacolato in mezzo alla cittadina.

Ho incontrato Yoga Cristallo proprio in questo spazio con il suo gioco in scatola per imparare lo yoga fin da bimbi e con tanto entusiasmo, attraverso la giocosità apprendere concetti vitali per la felicità.

Condivido la sua visione del gioco come base da cui partire per ispirare il bimbo con concetti base per una vita lunga e sana. È stato molto carino passeggiare durante le pause nel giardino e vedere le associazioni di arti marziali in movimento.

Ho anche fatto un video con le loro performance in sottofondo e lo vedrai presto sul canale Youtube  ed ho apprezzato anche i numerosi stand con messaggi consapevoli di ogni tipo. Dall’elogio alla lentezza, alla protezione ambientale, al vivere il contatto con l’acqua e la natura.

Proprio a riguardo dell’elemento femminile per eccellenza ho fatto un’esperienza meravigliosa. Ho scoperto OBA (Oceanic Bodywork Aqua). Ho ricevuto una sessione dimostrativa di circa mezzora di questo profondo lavoro corporeo, e coccola allo stesso tempo, nelle braccia di Delia un’operatrice con una grande sensibilità e “stile materno”.

Maria Franca Cappai, un miracolo vivente, e Delia l'operatrice che mi ha facilitato con una sensibilità "materna" sorprendente
Maria Franca Cappai, un miracolo vivente, e Delia l’operatrice che mi ha facilitato con una sensibilità “materna” sorprendente

Ringrazio su tutti Chinthia un amica della mia sposa che pratica questa disciplina e anche il timore infondato che sentivo al pensiero di concedermi questa esperienza in acqua.

Come spesso accade con le paure infondate (e anche con i consigli degli amici ultimamente 😉 ) sono andato fino in fondo e ho scoperto un mondo meraviglioso.

Movimenti graduali e modulati, in parte sopra il pelo dell’acqua e in parte sott’acqua.

Galleggianti, cuscini, cavigliere e tanto tatto sono solo alcuni degli espedienti per godere della dolce sensibilità che l’acqua ha da offrire. Mi sono sentito coccolato, accolto, rispettato e tutelato nel lasciare andare il controllo e affidarmi alle cure di Delia.

In primis non ero confidente del lasciarmi immergere e muovere le articolazioni; come se avessi un’eccesso di tutela e il timore di non rimanere “integro” durante i movimenti. In realtà come vedrai dalle gallerie di foto qui sotto mi sono rilassato, sensibilizzato emotivamente e rigenerato dallo scambio energetico che questa disciplina porta.

Grazie a Google Foto ti mostro anche una gif animata che può darti una piccola impressione di cosa significhi quel che ti descrivo.

Anche se l’emozione con Maria Franca è arrivata fuori dall’acqua, e più precisamente nel salone conferenze, ti posso garantire che ha acceso una speranza importante in molti presenti e spero di passartene almeno in parte. “Sei un miracolo vivente!”, queste le mie parole che le ho scritto in un SMS poco dopo il suo intervento.

Ha raccontato al pubblico della malattia che ha avuto (fonte Wikipedia se vuoi approfondire), considerata incurabile per la medicina convenzionale, e che ha risolto grazie alla sua tenacia, alla voglia di vivere e di credere nel suo sentire. Evito di approfondire proprio per il rispetto dell’ambito medico in cui non ho alcuna competenza.

Ha scelto, quasi subito, di rifiutare i medicinali della cura “palliativa” proposta ed ha cercato altrove. È arrivata fino a non potersi più muovere dal letto, non poter quasi più respirare. Da quei momenti di “crisi” è scaturita la forza di trovare un modo, il coraggio di provarci.

Trovando vicino casa (che bel sincronismo!) una palestra dove apprendere il lavoro corporeo acquatico, contro ogni aspettativa dei suoi stessi formatori (increduli) è arrivata a sorridere e a donare le sue capacità come operatrice e come donna agli altri.

Grazie Maria Franca e Delia! E anche Chinthia eh! 😉

Che mi piacesse scrivere credo che tu l’avessi già capito… infatti ho trovato un’altra ispirazione all’auto ascolto attraverso le parole da Fulvio Fiori, scrittore e formatore olistico.

È stata una bellissima sorpresa il suo “Healing Writing – La Scrittura che Cura” presentato in una conferenza dove ci ha fatto saggiare il gusto di diventare autori della nostra storia attraverso: scrittura istintiva, scrittura creativa, pensiero immaginale e visualizzazioni.

Una delle cose che più mi ha dato soddisfazione – ed è assolutamente sincronico che l’abbia tenuta per ultima 🙂 – è stata la vita di 4 giorni da standista con il direttore amministrativo dell’Istituto Kinergia Cristian Barbaro e i colleghi Nadia, Davide e Maria Letizia che si sono aggiunti giorno per giorno. È grazie alla loro organizzazione se ho fatto questa esperienza formativa e divulgativa.

Anche la sua conferenza è stata un’apertura per me in questo periodo di restyling dal punto di vista del leader che voglio essere nella mia vita.

Con Nutrire i talenti – Cibo per nutrire i tuoi talenti, ho visto un uomo che racconta dei valori in cui crede e degli accorgimenti che usa per se, per i giovani e per una società equa e compartecipata minimizzando i rimandi alla propria scuola e al proprio business. Una forma di esempio con un carisma diverso dal più comune motivatore.

Ti consiglio anche un libro che fa parte delle letture di chi vuole, come me, esplorare le sfumature dei suoi talenti di conduzione – Il Leader dell’Essere di Sujith Ravindran (in esclusiva italiana nelle mie mani e in quelle del suo circuito formativo). Credo che lo leggero con tutto il tempo che mi serve a integrarlo e quindi cercalo se vuoi saperne di più 😉

Dal mio formatore su maturità maschile e relazioni illuminate
Dal mio formatore su maturità maschile e relazioni illuminate

Ed in fine come non citare gli amici che mi sostengono sempre lungo il cammino e che ci sono sia quando serve che in occasioni di svago. Un bel grazie a Cristian!

A presto e ricorda #esprimiti !

Il mitico Cristian nuovamente presente
Il mitico Cristian nuovamente presente

 

Commenti Facebook
Share

Commenti Facebook

Leave a Reply

Your email address will not be published.